Pin it

Amato Alberto

Alberto Amato

Nato a Napoli il 28 aprile 1913. Cantante melodico e sportivo per hobby. E' stato anche arbitro.

Nel 1940 ha vinto uno dei dodici posti al Concorso Nazionale EIAR su 3500 cantanti; per 18 anni ha inciso dischi per l'etichetta ODEON. Ha svolto la sua professione a Milano alle dipendenze dell'EIAR.

Alberto Amato2

Come cantante ha preso parte a lungometraggi dove perlopiù cantava, ad esempio, ha cantato "E Cummarelle" nel film Un marito per Anna Zaccheo (1952-1953) e due brani in Carosello napoletano (1953-1954)



Alberto Amato canta "Surriento d'e 'nnammurate"

Non ha preso parte a films nè spettacoli teatrali con Totò, ma lo conobbe, e me ne lasciò la testimonianza:

Totò mi venne a sentire a Napoli, in Villa Comunale ne "La compagna del guardaporte". Era già divorziato, ma non era ancora con la Faldini; c'erano delle ragazze bellissime. Gli piaceva una che conoscevo e mi disse: "Don Alberto, voi conoscete quella ragazza perchè vi ho visto parlare..." Lei era con la madre e gliele presentai. Le invitò a casa sua a Roma, ai Parioli. Un giorno, il fidanzato della ragazza telefonò a casa de Curtis e rispose lei; lui era gelosissimo e le intimava di tornare a Napoli, ma lei, approfittatrice, rispose: "Ma tu sì pazzo! Totò è così brutto...Noi restiamo altri due o tre giorni ospiti gratis" Ma Antonio de Curtis, che aveva sentito tutto, da un altro ricevitore sito in altra stanza, entrò, troncando: "No, non ancora due o tre giorni: immediatamente, perchè voi ed il vostro fidanzato siete due scostumati!" Poi con Totò non ci vedemmo più.


Riferimenti e bibliografie:

  • Simone Riberto, alias Tenente Colombo
  • Ho avuto l'onore di conoscerlo a Napoli giovedì 2 ottobre 2003, a 90 anni suonati, provando la piacevole sorpresa di una mente fresca ed un portamento apparentemente intaccato dal tempo trascorso.

Collegamenti esterni

  • AA.VV. (a cura di Gino Castaldo) Dizionario della canzone italiana, Roma, Armando Curcio editore, 1990, alla voce "Amato, Alberto", di Enzo Giannelli, pagg. 31-32.
  • Alberto Amato, su Internet Movie Database, IMDb.com