Ferrio Gianni

Gianni Ferrio

(Vicenza, 16 novembre 1924 – Roma, 21 ottobre 2013[1]) è stato un direttore d'orchestra, arrangiatore e compositore italiano. È entrato nella storia della musica italiana come autore di alcune canzoni diventate degli evergreen, come Piccolissima serenata (incisa tra gli altri da Teddy Reno e Renato Carosone), Parole parole (successo internazionale di Mina e Alberto Lupo, inciso anche da Dalida e Alain Delon), Non gioco più, anch'essa incisa da Mina, e molte altre.

Ha composto circa 120 colonne sonore per il cinema.

Biografia

Inizia l'attività di direttore d'orchestra negli anni '40; nel decennio successivo collabora come arrangiatore con la CGD, allora di proprietà del suo fondatore, il cantante Teddy Reno; in questo periodo ha modo di collaborare con cantanti come Jula de Palma, Johnny Dorelli e lo stesso Teddy Reno, per cui scrive nel 1958 Piccolissima serenata.

Dirige l'orchestra al Festival di Sanremo 1959, al Festival di Sanremo 1962 e all'Eurovision Song Contest 1965; a Sanremo ritornerà poi nel 2007, nuovamente come direttore d'orchestra oltre che come compositore di Meglio così, interpretata da Dorelli.

Ha composto molte colonne sonore per il cinema, tra cui è da ricordare quella per il film di Giorgio Ferroni del 1965 Un dollaro bucato, in cui scrive la canzone A Man...a Story cantata da Fred Bongusto, che nella versione in Italiano (con il titolo Se tu non fossi bella come sei), raggiunge all'epoca il vertice delle classifiche musicali.

Nel 1970 realizza gli arrangiamenti e dirige l'orchestra per l'album dal vivo di Jula de Palma, Jula al Sistina, pubblicato dall'RCA Italiana.

Ha partecipato a molte importanti trasmissioni televisive mandate in onda dalla RAI, come Bambole, non c'è una lira, o Milleluci, per cui scrive la sigla finale, Non gioco più, incisa da Mina con la partecipazione all'armonica a bocca di Toots Thielemans che ha successo anche in Spagna e in America Latina, tradotta in No juego más; nel 2004 è stata reincisa dai Marlene Kuntz nell'EP Fingendo la poesia.

Per la tv ha scritto e diretto le musiche per i più importanti spettacoli del sabato sera, con la regia di Antonello Falqui, avendo così l'opportunità di lavorare con personaggi come Astor Piazzolla, Luiz Bonfá, James Taylor, Jerry Lewis, Mina, Caterina Valente, Elis Regina, Ornella Vanoni, Milva e Gigi Proietti.

Sempre per la televisione, è da ricordare la colonna sonora della serie Tuttototò (1967), omaggio postumo al grande artista napoletano, ed in particolare la travolgente sigla iniziale Sciabadabadà, eseguita dai Cantori di Alessandroni.

Nell'estate del 1976, scrive "le voci di Mina" in Plurale, un album decisamente eccentrico in cui la cantante ecletticamente esegue brani di ogni tipo ed epoca per "arrangiamenti per sola voce", senza alcun strumento ad accompagnarla. Tra i titoli, la toccante ll testamento Del Capitano, e C'è un uomo in mezzo al mare.

Con Mina collabora nuovamente nel 1977 per gli arrangiamenti dell'album Mina quasi Jannacci, caratterizzato da arrangiamenti raffinatissimi e arditi, con i quali, il maestro e la cantante compiono quella che si può tranquillamente definire un'operazione di "altissima teatralità" su vinile.

Era sposato con la ballerina ed attrice Alba Fossati, nota con lo pseudonimo di Alba Arnova, già giovanissima étoile del teatro Colón di Buenos Aires e celebre anche per essere stata cacciata nel 1955 dalla Rai da Filiberto Guala per il sospetto di aver danzato a gambe nude; (in realtà indossava un'aderente calzamaglia rosa che in controluce poteva suggerire, secondo la censura di allora, un passaggio "senza veli"). Il programma televisivo, in cui, sotto la guida del marito, danzava accompagnata dai migliori musicisti jazz del momento, si intitolava "La piazzetta".

Nel 2001 Ferrio ha arrangiato e diretto l'album Girltalk di Caterina Valente.

Nel 2002, nell'ambito del Premio Pippo Barzizza, gli viene assegnato il Trofeo alla carriera in qualità di arrangiatore e compositore.

Sempre nel 2002 collabora con Mina, dirigendo l'orchestra nell'album Mina per Wind; la collaborazione prosegue nel 2003, con la cura degli arrangiamenti dell'album Napoli secondo estratto, e nel 2005, con gli arrangiamenti di L'allieva, omaggio della Tigre di Cremona a Frank Sinatra.

Le principali canzoni scritte da Gianni Ferrio
AnnoTitoloAutori del testoAutori della musicaInterpreti
1958 Piccolissima serenata Antonio Amurri Gianni Ferrio Teddy RenoPaolo Bacilieri e Renato Carosone
1962 Improvvisamente Antonio Amurri Gianni Ferrio Mina
1963 Lady Bossa Nova Tino Fornai Gianni Ferrio Marina Moran
1963 Non mi dire "adeus" Tino Fornai Gianni Ferrio Marina Moran
1963 Stanotte come ogni notte Guido Castaldo e Maurizio Jurgens Gianni Ferrio Marina Moran
1963 Poche parole Tino Fornai Gianni Ferrio Marina Moran
1963 Un desiderio per l'estate Tino Fornai Gianni Ferrio Marina Moran
1963 La ragazza color caffè Tino Fornai Gianni Ferrio Marina Moran
1963 Eden Rock Tino Fornai Gianni Ferrio Marina Moran
1965 Ora o mai più Antonio Amurri Gianni Ferrio Mina
1968 Non cantare, spara
(colonna sonora TV: Non cantare, spara)
Tata Giacobetti Gianni Ferrio e Antonio Virgilio Savona Quartetto Cetra
1968 Un uomo col cappello sugli occhi
(colonna sonora TV: Non cantare, spara)
Leo Chiosso Gianni Ferrio Mina
1969 Emmanuelle
(colonna sonora film: Io, Emmanuelle)
Antonio Amurri Gianni Ferrio Mina
1969 Avengers (sigla di Agente speciale) Federico Monti Arduini e Giuseppe Cassia Gianni Ferrio Nancy Cuomo
1970 Una donna, una storia Antonio Amurri Gianni Ferrio Mina
1970 Questa cosa chiamata amore Antonio Amurri Gianni Ferrio Mina
1971 Quando mi dici così Antonio Amurri Gianni Ferrio Fred Bongusto
1971 Sei tu, sei tu Antonio Amurri Gianni Ferrio Fred Bongusto
1972 Parole parole Leo Chiosso e Giancarlo Del Re Gianni Ferrio Mina e Alberto Lupo
1973 Valentina (Controluce)
(colonna sonora film: La morte accarezza a mezzanotte)
Strumentale Gianni Ferrio vocalizzi di Mina
1973 Paroles, paroles Michaele Gianni Ferrio Dalida e Alain Delon
1974 Penombra Giorgio Calabrese Gianni Ferrio Mina
1974 Trasparenze Giorgio Calabrese Gianni Ferrio Mina
1975 Non gioco più Roberto Lerici Gianni Ferrio Mina
1976 Good Evening Friends Gianni Ferrio Gianni Ferrio Mina
1976 Triste Antonio Amurri Gianni Ferrio Mina
2000 Memorare Bernardo di Chiaravalle Gianni Ferrio Mina
2002 Mente Samuele Cerri Gianni Ferrio Mina
2007 Meglio così Giorgio Calabrese Gianni Ferrio Johnny Dorelli


Principali colonne sonore composte da Gianni Ferrio

Tipi da spiaggia, regia di Mario Mattoli (1959)
Guardatele ma non toccatele, regia di Mario Mattoli (1959)
Appuntamento a Ischia, regia di Mario Mattoli (1960)
Chi si ferma è perduto, regia di Sergio Corbucci (1960)
Totò, Fabrizi e i giovani d'oggi, regia di Mario Mattoli (1960)
Signori si nasce, regia di Mario Mattoli (1960)
Un dollaro di fifa, regia di Giorgio Simonelli (1960)
Totòtruffa 62, regia di Camillo Mastrocinque (1961)
Sua Eccellenza si fermò a mangiare, regia di Mario Mattoli (1961)
I magnifici tre, regia di Giorgio Simonelli (1961)
I due colonnelli, regia di Steno (1962)
Appuntamento in Riviera, regia di Mario Mattoli (1962)
I quattro moschettieri, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1963)
Totò contro i quattro, regia di Steno (1963)
Obiettivo ragazze, regia di Mario Mattoli (1963)
Gli eroi del West, regia di Steno (1963)
Frenesia dell'estate, regia di Luigi Zampa (1963)
I gemelli del Texas, regia di Steno (1964)
Un dollaro bucato, regia di Giorgio Ferroni (1965)
Massacro al Grande Canyon, regia di Sergio Corbucci (1965)
I due toreri, regia di Giorgio Simonelli (1965)
Tre dollari di piombo, regia di Pino Mercanti (1965)
Per pochi dollari ancora, regia di Giorgio Ferroni (1966)
Ringo e Gringo contro tutti, regia di Bruno Corbucci (1966)
El Desperado, regia di Franco Rossetti (1967)
Il raggio infernale, regia di Gianfranco Baldanello (1967)
I dolci vizi... della casta Susanna, regia di Franz Antel (1967)
Gli altri, gli altri... e noi, regia di Maurizio Arena (1967)
Totò Ye Ye, regia di Daniele D'Anza (1967)
Susanna... ed i suoi dolci vizi alla corte del re, regia di Franz Antel (1968)
Il trionfo della casta Susanna, regia di Franz Antel (1968)
Sentenza di morte, regia di Mario Lanfranchi (1968)
Joe... cercati un posto per morire!, regia di Giuliano Carnimeo (1968)
I recuperanti, regia di Ermanno Olmi (1969)
Vivi o preferibilmente morti, regia di Duccio Tessari (1969)
Io, Emmanuelle, regia di Cesare Canevari (1969)
La morte risale a ieri sera, regia di Duccio Tessari (1970)
Appuntamento col disonore, regia di Adriano Bolzoni (1970)
Io non spezzo... rompo, regia di Bruno Corbucci (1971)
Viva la muerte... tua!, regia di Duccio Tessari (1971)
L'arciere di fuoco, regia di Giorgio Ferroni (1971)
Una farfalla con le ali insanguinate, regia di Duccio Tessari (1971)
Reverendo Colt, regia di León Klimovsky (1971)
La calandria, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
La morte accarezza a mezzanotte, regia di Luciano Ercoli (1972)
Amico, stammi lontano almeno un palmo..., regia di Michele Lupo (1972)
Tony Arzenta - Big Guns, regia di Duccio Tessari (1973)
L'isola misteriosa e il capitano Nemo, regia di Juan Antonio Bardem & Henri Colpi (1973)
Oremus, Alleluia e Così Sia, regia di Alfio Caltabiano (1973)
La poliziotta, regia di Steno (1974)
La sculacciata, regia di Pasquale Festa Campanile (1974)
L'uomo senza memoria, regia di Duccio Tessari (1974)
Il vizio di famiglia, regia di Mariano Laurenti (1975)
Classe mista, regia di Mariano Laurenti (1975)
Il padrone e l'operaio, regia di Steno (1975)
Una sera c'incontrammo, regia di Piero Schivazappa (1975)
La segretaria privata di mio padre, regia di Mariano Laurenti (1976)
L'affittacamere, regia di Mariano Laurenti (1976)
La bidonata, regia di Luciano Ercoli (1977)
La compagna di banco, regia di Mariano Laurenti (1977)
California, regia di Michele Lupo (1977)
La liceale nella classe dei ripetenti, regia di Mariano Laurenti (1978)
Come perdere una moglie e trovare un'amante, regia di Pasquale Festa Campanile (1978)
L'insegnante va in collegio, regia di Mariano Laurenti (1978)
Travolto dagli affetti familiari, regia di Mauro Severino (1978)
Milano... difendersi o morire, regia di Gianni Martucci (1978)
La liceale seduce i professori, regia di Mariano Laurenti (1979)
L'infermiera nella corsia dei militari, regia di Mariano Laurenti (1979)
L'infermiera di notte, regia di Mariano Laurenti (1979)
L'insegnante balla... con tutta la classe, regia di Giuliano Carnimeo (1979)
Tutti a squola, regia di Pier Francesco Pingitore (1979)
La settimana bianca, regia di Mariano Laurenti (1980)
Non ti conosco più amore, regia di Sergio Corbucci (1980)
La ripetente fa l'occhietto al preside, regia di Mariano Laurenti (1980)
Mi faccio la barca, regia di Sergio Corbucci (1980)
L'onorevole con l'amante sotto il letto, regia di Mariano Laurenti (1981)
Una vacanza del cactus, regia di Mariano Laurenti (1981)
La settimana al mare, regia di Mariano Laurenti (1981)
Doris, una diva di regime, regia di Alfredo Giannetti (1981)
Caccia alle mosche, regia di Angelo Longoni (1983)
Tex e il signore degli abissi, regia di Duccio Tessari (1985)
Incontri proibiti, regia di Alberto Sordi (1998)

Varietà radiofonici RAI

Ventiquattresima ora, programma in due tempi presentato da Mario Riva orchestra diretta da Gianni Ferrio, regia di Silvio Gigli 1958 1959.

Discografia parziale

Album

1970: La morte risale a ieri sera (Cinevox, MDF 33.35)

Singoli

1968: Come back to Roma/Roma Ro' (Parlophon, QMSP 16444)


Riferimenti e bibliografie:

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Il dizionario della canzone italiana, editore Armando Curcio (1990); alla voce Ferrio, Gianni
  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della canzone italianaedizioni Panini, Modena, 2009, alla voce Gianni Ferrio
  • Freddy Colt, Spaghetti Swing, Prontuario biografico della canzone jazzataEditrice Zona, 2009, pagg. 57-58, ISBN 978-88-6438-039-1