Pin it

Ippoliti Silvano

Silvano Ippoliti

(Cagli, 24 gennaio 1922 – Roma, 1º gennaio 1994) è stato un direttore della fotografia italiano.

Biografia

È stato collaboratore del regista Tinto Brass per oltre vent'anni, curando la fotografia di tredici dei suoi quattordici film da Col cuore in gola del 1967 a Così fan tutte del 1992.

Percorre la gavetta e la carriera per finir operatore alla macchina da presa e poi Direttore di fotografia. Ha lasciato vedova tale Chantal. Da operatore alla macchina, si iscrisse alla associazione di categoria AIC.

Viene introdotto nel mondo del cinema dalla sorella Iria, impiegata a Cinecittà, che gli fa conoscere Anchise Brizzi, all'epoca responsabile del reparto operatori. Nel corso degli anni quaranta matura la propria formazione professionale nelle troupe di Arturo Gallea, Massimo Terzano, Rodolfo Lombardi e Gábor Pogány.

Incomincia a lavorare come operatore di macchina nel 1949, per il film Catene, diretto da Raffaello Matarazzo e fotografato da Mario Montuori. Ricopre questo ruolo per oltre un decennio, lavorando a fianco di Mario Albertelli, del cognato Roberto Gerardi e infine di Giuseppe Rotunno per i film di Luchino Visconti Le notti bianche (1957) e Rocco e i suoi fratelli (1960).

Esordisce come direttore della fotografia all'inizio degli anni sessanta e nel 1967 lavora per la prima volta con Tinto Brass, per il film di ambientazione londinese Col cuore in gola. È l'inizio di un duraturo sodalizio professionale che si sviluppa per ben venticinque anni, sia in campo cinematografico sia pubblicitario, fino a Così fan tutte.

Al periodo migliore della sua carriera, tra la fine degli anni sessanta e l'inizio dei settanta, appartengono L'amante di Gramigna (1968) di Carlo Lizzani, la commedia storica Nell'anno del Signore (1969) di Luigi Magni, gli impegnati Gott mit uns (Dio è con noi) (1969) e Sacco e Vanzetti (1971) di Giuliano Montaldo, il fantapolitico L'invenzione di Morel (1974) di Emidio Greco.

Ma già in quegli anni e poi in proporzione crescente in quelli successivi lavora a meno ambiziose produzioni di genere, con Pasquale Festa Campanile, Bruno e Sergio Corbucci, tra cui diverse commedie popolari con Bud Spencer e Terence Hill.

Direttore di fotografia dal 1960, lo fu anche per 2 episodi di CAPRICCIO ALL'ITALIANA (1966-1968): IL MOSTRO DELLA DOMENICA (quello di Steno con Totò) e LA GELOSA.

Filmografia

Operatore di macchina

Catene, regia di Raffaello Matarazzo (1949)
Totò sceicco, regia di Mario Mattoli (1950)
Figaro quà, figaro là (1950)
Uno spezzone di Tototarzan (1950) da verificare

Core 'ngrato, regia di Guido Brignone (1951)
47 morto che parla, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1952)
A fil di spada, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1952)
Napoli piange e ride, regia di Flavio Calzavara (1954)
Peppino e la vecchia signora di Emma Gramatica e Piero Ballerini (1954)
Ballata tragica, regia di Luigi Capuano (1954)
I colpevoli, regia di Turi Vasile (1957)
Susanna tutta panna, regia di Steno (1957)
Le notti bianche, regia di Luchino Visconti (1957)
Gambe d'oro, regia di Turi Vasile e Antonio Margheriti (1958)
Esterina, regia di Carlo Lizzani (1959)
Storie d'amore proibite (Le secret du Chevalier d'Éon), regia di Jacqueline Audry (1959)
La grande guerra, regia di Mario Monicelli (1959)
Audace colpo dei soliti ignoti (1959)
A qualcuna piace calvo, regia di Mario Amendola (1960)
La sposa bella (The Angel Wore Red), regia di Nunnally Johnson (1960)
Rocco e i suoi fratelli, regia di Luchino Visconti (1960)
I compagni, regia di Mario Monicelli (1963)

Direttore della fotografia

La mina, regia di Giuseppe Bennati (1958)
Il carro armato dell'8 settembre, regia di Gianni Puccini (1960)
Io bacio... tu baci, regia di Piero Vivarelli (1961)
Quattro notti con Alba, regia di Luigi Filippo D'Amico (1962)
Solo contro Roma, regia di Luciano Ricci (1962)
Sodoma e Gomorra (Sodom and Gomorrah), regia di Robert Aldrich (1962)
Ercole sfida Sansone, regia di Piero Francisci (1963)
Degueyo, regia di Giuseppe Vari (1966)
2+5 missione Hydra, regia di Pietro Francisci (1966)
Navajo Joe, regia di Sergio Corbucci (1966)
Col cuore in gola, regia di Tinto Brass (1967)
LSD - Inferno per pochi dollari, regia di Massimo Mida (1967)
I 4 tassisti, regia di Giorgio Bianchi (1967)
Nerosubianco, regia di Tinto Brass (1967)
Capriccio all'italiana, episodio Il mostro della domenica, regia di Steno (1968)
Satanik, regia di Piero Vivarelli (1968)
L'urlo, regia di Tinto Brass (1968)
A qualsiasi prezzo, regia di Emilio Miraglia (1968)
Il grande silenzio, regia di Sergio Corbucci (1968)
L'amante di Gramigna, regia di Carlo Lizzani (1968)
L'oro di Londra, regia di Guglielmo Morandi (1968)
Nell'anno del Signore, regia di Luigi Magni (1969)
La donna invisibile, regia di Paolo Spinola (1969)
Gott mit uns (Dio è con noi), regia di Giuliano Montaldo (1969)
Un'estate con sentimento, regia di Roberto B. Scarsella (1970)
Dropout, regia di Tinto Brass (1970)
Sacco e Vanzetti, regia di Giuliano Montaldo (1971)
L'iguana dalla lingua di fuoco, regia di Riccardo Freda (1971)
Il merlo maschio, regia di Pasquale Festa Campanile (1971)
La vacanza, regia di Tinto Brass (1971)
Quando le donne persero la coda, regia di Pasquale Festa Campanile (1971)
La calandria, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
Il sorriso della iena, regia di Silvio Amadio (1972)
Funerale a Los Angeles (Un homme est mort), regia di Jacques Deray (1972)
Jus primae noctis, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
Tony Arzenta - Big Guns, regia di Duccio Tessari (1973)
Piedone lo sbirro, regia di Steno (1973)
L'invenzione di Morel, regia di Emidio Greco (1974)
Il ritorno di Zanna Bianca, regia di Lucio Fulci (1974)
Vieni, vieni amore mio, regia di Vittorio Caprioli (1975)
Appuntamento con l'assassino (L'agression), regia di Gérard Pirès (1975)
Salon Kitty, regia di Tinto Brass (1975)
Come una rosa al naso, regia di Franco Rossi (1976)
La gang del parigino (Le gang), regia di Jacques Deray (1977)
Il prefetto di ferro, regia di Pasquale Squitieri (1977)
Gegè Bellavita, regia di Pasquale Festa Campanile (1979)
L'umanoide, regia di Aldo Lado (1979)
Caligola, regia di Tinto Brass (1979)
Action, regia di Tinto Brass (1979)
Barbara, regia di Gino Landi (1980)
Poliziotto superpiù, regia di Sergio Corbucci (1980)
Odio le bionde, regia di Giorgio Capitani (1980)
Teste di quoio, regia di Giorgio Capitani (1981)
Bollenti spiriti, regia di Giorgio Capitani (1981)
Canto d'amore, regia di Elda Tattoli (1982)
Cane e gatto, regia di Bruno Corbucci (1983)
La chiave, regia di Tinto Brass (1983)
Delitto in Formula Uno, regia di Bruno Corbucci (1984)
I sette magnifici gladiatori, regia di Claudio Fragasso e Bruno Mattei (1984)
Non c'è due senza quattro, regia di Enzo Barboni (1984)
Schiave bianche - Violenza in Amazzonia, regia di Mario Gariazzo (1985)
Miranda, regia di Tinto Brass (1985)
Il pentito, regia di Pasquale Squitieri (1985)
Miami Supercops - I poliziotti dell'8ª strada, regia di Bruno Corbucci (1985)
Laggiù nella giungla, regia di Stefano Reali (1986)
Superfantagenio, regia di Bruno Corbucci (1986)
Capriccio, regia di Tinto Brass (1987)
Spettri, regia di Marcello Avallone (1987)
L'attenzione, regia di Giovanni Soldati (1987)
Big Man - 395 dollari l'oncia, regia di Steno (1988) (TV)
Big Man - Polizza inferno, regia di Steno (1989) (TV)
Big Man - Boomerang, regia di Steno (1989) (TV)
Maya, regia di Marcello Avallone (1988)
Paprika, regia di Tinto Brass (1991)
Big Man - Diva, regia di Steno (1992) (TV)
Così fan tutte, regia di Tinto Brass (1992)
Big Man - Polizza droga, regia di Steno (1992) (TV)
Big Man - Fanciulla che ride, regia di Steno (1992) (TV)


Riferimenti e bibliografie:

Simone Riberto, alias Tenente Colombo
Stefano Masi, Dizionario mondiale dei direttori della fotografia, Recco, Le Mani, 2007. ISBN 88-8012-387-4 pp. 428-429
L'immagine del profilo è tratta dall'archivio della Associazione di categoria degli Autori della fotografia italiani, A. I. C.