Pin it

Maltagliati Evi (Evelina)

Evi Maltagliati

Biografia

Debuttò sul palcoscenico appena quindicenne nella compagnia di Dina Galli. Dotata di forte temperamento drammatico, si segnalò altresì per il suo eclettismo e lavorò con i più grandi nomi del teatro: da Maria Melato a Max Reinhardt, che le affidò nel 1933 il ruolo di Titania nel suo Sogno di una notte di mezza estate con Carlo Lombardi, Cele Abba, Giovanni Cimara, Nerio Bernardi, Rina Morelli, Sarah Ferrati, Cesare Bettarini, Armando Migliari, Ruggero Lupi, Luigi Almirante, Giuseppe Pierozzi, Memo Benassi ed Eva Magni al Giardino di Boboli a Firenze.

Lavorò con Gino Cervi, Sergio Tofano, Carlo Ninchi e allestì una compagnia di giovani talenti: Vittorio Gassman, Tino Buazzelli e Nino Manfredi. Recitò spesso per il cinema e poi anche per la televisione, interpretando diversi sceneggiati televisivi (fra cui Il romanzo di un giovane povero del 1957 o La figlia del capitano, andato in onda nel 1965). Fu attiva anche come doppiatrice.

Filmografia

La fanciulla dell'altro mondo, regia di Gennaro Righelli (1934)
Aldebaran, regia di Alessandro Blasetti (1935)
I due sergenti, regia di Enrico Guazzoni (1936)
Jeanne Doré, regia di Mario Bonnard (1938)
Inventiamo l'amore, regia di Camillo Mastrocinque (1938)
Io, suo padre, regia di Mario Bonnard (1939)
Il socio invisibile, regia di Roberto Roberti (1939)
Scandalo per bene, regia di Esodo Pratelli e Silvano Balboni (1940)
Piccolo re, regia di Redo Romagnoli (1940)
I promessi sposi, regia di Mario Camerini (1941)
Sissignora, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1942)
Il nemico, regia di Guglielmo Giannini (1942)
Monte Miracolo, regia di Luis Trenker (1942)
Quartieri alti, regia di Mario Soldati (1943)
Fiamme sul mare, regia di Vittorio Cottafavi (1947)
Daniele Cortis, regia di Mario Soldati (1947)
La sepolta viva, regia di Guido Brignone (1949)
La voce del sangue, regia di Pino Mercanti (1952)
Noi peccatori, regia di Guido Brignone (1952)
I vinti, regia di Michelangelo Antonioni (1953)
Ultima illusione, regia di Vittorio Duse (1954)
Ulisse, regia di Mario Camerini (1955)
Donne sole, regia di Vittorio Sala (1955)
Ricordo la mamma, regia di Anton Giulio Majano (1957)
Il padrone delle ferriere, regia di Anton Giulio Majano (1959)
Sergente d'ispezione, regia di Roberto Savarese (1959)
Madri pericolose, regia di Domenico Paolella (1959)
Il peccato degli anni verdi, regia di Leopoldo Trieste (1960)
La tragica notte di Assisi, regia di Raffaello Pacini (1960)
Solimano il conquistatore, regia di Mario Tota (1961)
Lo scorpione (Le Scorpion), regia di Serge Hanin (1962)
La monaca di Monza, regia di Carmine Gallone (1962)
Venere imperiale, regia di Jean Delannoy (1963)
L'incendio di Roma, regia di Guido Malatesta (1965)
La notte pazza del conigliaccio, regia di Alfredo Angeli (1967)
Il padre di famiglia, regia di Nanni Loy (1968)
Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova, veneziano, regia di Luigi Comencini (1969)
Comma 22, regia di Mike Nichols (1970)
Roma bene, regia di Carlo Lizzani (1971)
Questa specie d'amore, regia di Alberto Bevilacqua (1972)
L'affare Dominici, regia di Claude Bernard Aubert (1973)

Doppiatrici

Giovanna Scotto in La sepolta viva
Lydia Simoneschi in Venere imperiale

Doppiaggio

Elissa Landi in Il segno della croce
Deborah Kerr in Narciso nero
Bette Davis nel doppiaggio originale di Piccole volpi (1948)

Televisione e soap opera

Maria Isabel De Lizandra in Dona Beija.

Prosa radiofonica Rai

L'aquila a due teste, tre atti di Jean Cocteau, regia di Guglielmo Morandi, trasmessa il 19 ottobre 1953.
L'ultima stanza, di Graham Greene, regia di Orazio Costa, trasmessa il 16 giugno 1963.

Prosa televisiva Rai

Il romanzo di un giovane povero (1957)
La nemica, commedia di Dario Niccodemi, regia di Silverio Blasi (1957)
Umiliati e offesi di Vittorio Cottafavi (1958)
Le avventure di Nicola Nickleby regia di Daniele D'Anza (1958)
Regia in famiglia, regia di Marcello Saltarelli, trasmessa il 18 ottobre 1961.
L'affare Picpus, serie Le inchieste del commissario Maigret (1965)
La figlia del capitano regia di Leonardo Cortese (1965)
Vita di Cavour, regia di Piero Schivazappa (1967)
I Buddenbrook (1971)