Pin it

Meniconi Mario

Mario Meniconi 2

(Roma, 14 marzo 1912 – Roma, 15 giugno 1984) è stato un attore italiano.

Biografia

Fratello di Furio Meniconi, ha interpretato come attore caratterista i ruoli più disparati, generalmente figure popolari. Da ricordare il ruolo del Guercio, in Totò, Peppino e i fuorilegge e il divertente ruolo del macchinista del treno nel film Totò Tarzan.

Avendo appreso di essere malato al nervo trigemino, morì suicida nel 1984.

Filmografia

Ladri di biciclette, regia di Vittorio De Sica (1948)
La sposa non può attendere, regia di Gianni Franciolini (1949)
Il figlio di d'Artagnan, regia di Riccardo Freda (1949)
Tototarzan, regia di Mario Mattoli (1950)
Totò cerca moglie, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
Figaro qua, Figaro là, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
La signora senza camelie, regia di Michelangelo Antonioni (1952)
Pane, amore e fantasia, regia di Luigi Comencini (1953)
Pane, amore e gelosia, regia di Luigi Comencini (1954)
Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)
La bella di Roma, regia di Luigi Comencini (1955)
La banda degli onesti, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
Totò, Peppino e i fuorilegge, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
Amore e chiacchiere, regia di Alessandro Blasetti (1957)
La mina, regia di Giuseppe Bennati (1958)
Le dritte, regia di Mario Amendola (1958)
Le cameriere, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1959)
Il nemico di mia moglie, regia di Gianni Puccini (1959)
I tartassati, regia di Steno (1959)
Signori si nasce, regia di Mario Mattoli (1960)
Il gigante di Metropolis, regia di Umberto Scarpelli (1961)
Il carabiniere a cavallo, regia di Carlo Lizzani (1961)[1]
Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
Per qualche dollaro in più, regia di Sergio Leone (1965)
Come svaligiammo la Banca d'Italia, regia di Lucio Fulci (1966)
Angelica e il gran sultano (Angélique et le Sultan), regia di Bernard Borderie (1968)
Zum Zum Zum - La canzone che mi passa per la testa, regia di Bruno Corbucci e Sergio Corbucci (1968)
La dottoressa del distretto militare, regia di Nando Cicero (1976)
Cadaveri eccellenti, regia di Francesco Rosi (1976)


Fratello, oltre che di Furio, anche di Nello ed Alfio. Mario prima di tutto era poeta romanesco e poi generico extra, non attore professionista (anche se per la bravura si può definirlo attore), come generico extra (unico dei 4 fratelli ad avere pure EXTRA) è riportato nell'Annuario del cinema italiano. Alto 186,5 cm. Il sito IMDb lo elenca in 39 films tra il '48 ed il '76, io lo conto in perlomeno una 70ina(ma è stato sui set di molti di +) dei quali ben una ventina con Totò!
fra gli altri mi limito a questi:
Darò un milione(1935) 1 dei redattori de "Le courrier du Sud-Est";
Totò le Mokò (escluso) 1 poliziotto, Totò cerca moglie (forse per la prima volta incluso fra i nomi nei titoli di testa) nel ruolo del domestico Giuseppe.
In Tototarzan oltre al macchinista del treno, quale stuntman lo si distingue nella zuffa contro le totorzaniste nella parte di una in delle racchie della Legga della Moralità; oltre ai film noti, lo segnalo in Totò e Carolina, Siamo uomini o caporali (nella troupe del film su Nerone), Totò diabolicus (il carcerato uxoricida), Totò e Cleopatra (1963, al mercato degli schiavi) e forse in 1 dei Tuttototò nel ruolo del pazzo. Genericate o piccole parti in films anche famosi da C'eravamo tanto amati (1 degli invitati al 69°...cfr fratello Furio) o in Novecento (1975 di Bertolucci) dove fa l'oste.

Simone Riberto