Zamperla Nazareno (Neno)

Nazareno Zamperla

(Treviso, 25 aprile 1937), è uno stuntman e attore italiano.

Biografia

Discendente dall'omonima famiglia di artisti circensi, proprietaria del Circo Zamperla fondato da suo nonno, residente a Roma dal 1949, comincia la sua carriera come stuntman nel 1952 quando viene notato dall'attore Frank Latimore, in cerca di un acrobata fisicamente dotato per fargli da controfigura nel film Capitan Fantasma. Due anni dopo viene chiamato da Fellini per La strada: il regista conia il nome Zampanò dal suo cognome.[1]

A seguito di questa esperienza decide di dedicarsi a tale attività a tempo pieno ma non esistendo ancora in Italia la figura professionale dello stuntman entra nel gruppo di un anziano maestro d'armi, Aurelio Musumeci Greco, dove impara l'uso delle armi bianche per risse e duelli nei film di cappa e spada, allora molto in voga.

Il mestiere vero e proprio lo apprende da Yakima Canutt, controfigura di John Wayne, giunto a Roma a seguito del regista Robert Wise per le riprese di Elena di Troia, e da allora si dedica principalmente al filone dei film mitologici, nei quali fa da controfigura ai culturisti americani "timorosi nelle scene d'azione perché facendo culturismo si diventa come ingessati, non si riesce più a coordinare i movimenti".

Dotato di buone capacità recitative sul finire degli anni cinquanta inizia a prendere parte alle pellicole come attore in ruoli da generico, comprimario e - in Sette volte sette e Il cittadino si ribella - co-protagonista, anche se spesso non è accreditato nei titoli. Nonostante la recitazione preferiva infatti il più lucroso ingaggio di stuntman, pagato all'epoca 8.000 lire al giorno, contro le 3.000 dell'attore generico, che non prevedeva l'accreditamento.[2]


Sono nato nel 1937. Ora sono maestro d’armi. Sono uno dei primi stuntmen italiani, formati ufficialmente dalla scuola americana, costituita appositamente per il film “Elena di Troia”. Iniziai a 16 anni. Ho 62 anni. No, “Totò contro il Pirata Nero” non l’ho fatto! L’unico film con Totò al quale ho partecipato fu “Totò all’inferno”: ero uno dei diavoli, con dei piccolissimi trampoli elastici, posti sotto le calzature, e che ci servivano per saltare... Gli interni erano alla De Laurentiis, si giravano minimo 3 ciak.


Note

  1. ^ Giordano, pag. 35.
  2. ^ Giordano, pag.110.

Filmografia

Capitan Fantasma, regia di Primo Zeglio (1953)
La strada, regia di Federico Fellini (1954)
Ulisse, regia di Mario Camerini (1954)
Totò all'inferno (1955)
Elena di Troia, regia di Robert Wise (1956)
Il conte di Matera, regia di Luigi Capuano (1957)
Kean - Genio e sregolatezza, regia di Vittorio Gassman (1957)
Il pirata dello sparviero nero, regia di Sergio Grieco (1958)
Le fatiche di Ercole, regia di Pietro Francisci (1958)
Ercole e la regina di Lidia, regia di Pietro Francisci (1959)
Ben Hur, regia di William Wyler (1959) non accreditato
Morgan il pirata, regia di André De Toth e Primo Zeglio (1960)
Barabba, regia di Richard Fleischer (1961)
Marte, dio della guerra, regia di Marcello Baldi (1962)
Zorro alla corte di Spagna, regia di Luigi Capuano (1962)
La tigre dei sette mari, regia di Luigi Capuano (1962)
Sodoma e Gomorra, regia di Robert Aldrich (1962)
I sette gladiatori, regia di Pedro Lazaga (1962)
Sandokan, la tigre di Mompracem, regia di Umberto Lenzi (1963)
Zorro e i tre moschettieri, regia di Luigi Capuano (1963)
Zorro contro Maciste, regia di Umberto Lenzi (1963)
I pirati della Malesia, regia di Umberto Lenzi (1964)
I tre sergenti del Bengala, regia di Umberto Lenzi (1964)
Il magnifico gladiatore, regia di Alfonso Brescia (1964)
La montagna di luce, regia di Umberto Lenzi (1965)
Una pistola per Ringo, regia di Duccio Tessari (1965)
Un dollaro bucato, regia di Giorgio Ferroni (1965)
Kiss Kiss... Bang Bang, regia di Duccio Tessari (1966)
7 pistole per i MacGregor, regia di Franco Giraldi (1966)
Sugar Colt, regia di Franco Giraldi (1966)
Arizona Colt, regia di Michele Lupo (1966)
7 pistole per un massacro, regia di Mario Caiano (1967)
7 donne per i MacGregor, regia di Franco Giraldi (1967)
Troppo per vivere... poco per morire, regia di Michele Lupo (1967)
Sette volte sette, regia di Michele Lupo (1968)
Fellini Satyricon, regia di Federico Fellini (1969)
Vivi o preferibilmente morti, regia di Duccio Tessari (1969)
La collina degli stivali, regia di Giuseppe Colizzi (1969)
Corbari, regia di Valentino Orsini (1970)
Quando le donne avevano la coda, regia di Pasquale Festa Campanile (1970)
L'arciere di fuoco, regia di Giorgio Ferroni (1971)
L'amante dell'Orsa Maggiore, regia di Valentino Orsini (1972)
Campa carogna... la taglia cresce, regia di Giuseppe Rosati (1972)
Tony Arzenta (Big Guns), regia di Duccio Tessari (1973)
Uomini duri, regia di Duccio Tessari (1974)
Il cittadino si ribella, regia di Enzo G. Castellari (1974)
Il bianco, il giallo, il nero, regia di Sergio Corbucci (1974)
Cipolla Colt, regia di Enzo G. Castellari (1975)
La madama, regia di Duccio Tessari (1976)
Sahara Cross, regia di Tonino Valerii (1977)
California, regia di Michele Lupo (1977)
Un uomo in ginocchio, regia di Damiano Damiani (1979)
Occhio alla penna, regia di Michele Lupo (1981)
Banana Joe, regia di Steno (1982)
Thunder, regia di Fabrizio De Angelis (1983)
Sei delitti per padre Brown, regia di Vittorio De Sisti - miniserie TV (1988)


Riferimenti e bibliografie:

  • Intervista rilasciata a Simone Riberto, alias Tenente Colombo, 4 novembre 1999