La necessità della poesia: le liriche di Totò

Non ho hobby, non vado a pescare e non raccolgo francobolli. In quanto a scrivere versi o canzoni, quello non è un hobby ma una necessità.

A Franca Gif


E adesso, se non vi dispiace, vogliamo parlare di Totò compositore? Da buon napoletano, perché è una cosa che abbiamo nel sangue. A Napoli, anche gli analfabeti sono in grado di improvvisare. Le poesie che preferisco lo ho scritte nel mio dialetto e hanno un’ispirazione fondamentalmente triste che si ripete come un leit-motiv. Molte poesie, che io stesso ho musicato, hanno trovato la strada del successo: di queste, la più nota è «Malafemmena».

Totò



Così la stampa dell'epoca


Riferimenti e bibliografie:

Le poesie di Totò sono state citate da "TuttoTotò", a cura di Ruggero Guarini, Roma, Gremese, 1991.
Consiglio 1986 - Alberto Consiglio, "Spiriti e forme della poesia napoletana", introduzione Id., Antologia dei poeti napoletani, Milano, Mondadori
Tullio De Mauro, "L’Italia delle Italie", Roma, Editori Riuniti Gassman 1982
Vittorio Gassman, Testimonianza, in "Totò, Dedicate all’amore", Napoli, Colonnese
Ruggero Guarini, Introduzione a "TuttoTotò", Roma, Gremese Mollica 1982
Vincenzo Mollica, "Totò parole e musica", Roma, Lato Side Paliotti 1977
"Totò, principe del sorriso" (Vittorio Paliotti) - Fausto Fiorentino Ed., 1977