Articoli e ritagli di stampa: anni '10

Banner Stampa 1910


Peppino Villani e Gustavo De Marco, figure a cui Totò deve molto per la nascita del comico. Personaggi del varietà di inizio 900; da Scarpetta a Pasquariello, da Raffaele Viviani a Ettore Petrolini, fondamentali per l'ispirazione della maschera comica del futuro Totò, noto fino a circa il 1915 come "Antonio Clerment". Le prime esibizioni nei teatri Diocleziano, Statuto, Orfeo ed il Salone Elena di Napoli.


Totò

1915-10-26-Cafe-Chantant-Toto

Cocò, virtuosa, La Zingara, cantante di voce ed in pieno carattere, Totò, comico esilarantissimo: Targon felice imitatore. Quindi un programmino ben fatto epperciò ben accetto. Giovedì debutto della Compagnia romanesca diretta dal Laurenti.

«Café-Chantant», 26 ottobre 1915


1916-05-11-Cafe-Chantant-Toto-emulo-De-Marco

Statuto. La compagnia comica napoletana con la nota maschera del Pulcinella Giulio Balzano, costituisce la delizia dei molti hàbitues, i quali applaudiscono alle buone risorse di Totò, degno emulo di Gustavo De Marco, e ai restanti numeri femminili : Etter Gulliman, Lina Rosental, Lina di Zara, e Tina Zanò. Per un locale dove l'ingresso è a pochi centesimi, non si potrebbe desiderare di meglio, e questo dica anzi, dell'abilità del caro Cruciani, che lo si trova un po’ dappertutto.

«Café-Chantant», 11 maggio 1916


1916-06-11-Cafe-Chantant-Toto-emulo-De-Marco

«Café-Chantant», 11 giugno 1916


1917-02-05-Cafe-Chantant-Toto-imita-De-Marc

Salone Elena. Gustavo De Marco, pardon, l'imitazione particolare eseguita da certo Totò e dicono, esageratissima. La Juanita piccola diva del varietà. I Kastelmur, danzano che è una meraviglia. I Crialesi burleschi musicali, La Parisiena danzatrice, Teide Mercede, eccentrica. La Santorio, idem, Santarellina canzonettista , come pure canzonettista è la Elvira Rossi entrambi graziosissime. A terminare il varietà ci pare la stabiiè Compagnia De Marco [’nfru’J sempre esilarante sempre applauditissima.

«Café-Chantant», 5 febbraio 1917


Al Diocleziano è ritornata Ida Thais stanca forse dei lunghi e beati ozii. Insieme a Marcella romanziera, a Maria Scozia e a Grisette, eccentriche, a Persico, imitatore, al Duo Mirabelli, a Totò, sempre pieno di brio , si ottiene una fusione di bravi e buoni elementi.

«Café-Chantant», 15 aprile 1917


Trianon. Agisce la compagnia dialettale napoletana Sportelli, con soddisfazione dol colto pubblico che seralmente gremisce la bella sala. In tutti e tre gli spettacoli, per esempio, il teatro ieri sera presentava un bel colpo d’ occhio. Applauditissimo fu pure, come al solito, il concerto di varietà, nel quale emergono il comico Totò , Rina Fiore e le Ondine, con altri buoni numeri.

«Café-Chantant», 11 agosto 1917


Al Dioclexiano, modesto sempre, ma sempre sulla breccia, si fa meritatamente valere Ada Del Monte nelle nuove canzoni, e con essa piacciono Fanny, Luisette, la Capurro, la Favorita, quattro eccentriche, la Zazzoni e la Siciliana, canzonettiste e Totò, comico.

«Café-Chantant», 11 settembre 1917


 


Peppino Villani


Banner Stampa 1910


Gustavo De Marco