CORE ANALFABETA

Antonio de Curtis, 1955
Cuore analfabeta

'Stu core analfabeta
te lle purtato a scola
e se 'mparato a scrivere,
e se 'mparato a lleggere
sultanto 'na parola:
ammore e niente cchiù.

Ammore,
ammore mio si tu, femmena amata.
Passione,
passione ca 'sta vita daie calore.

Quanno te vaso 'a vocca avvullutata,
chistu velluto m'accarezza 'o core,
'stu core,
ca tu pa' mano lle purtato a scola,
e se 'mparato a scrivere,
e se 'mparato a leggere:
ammore e niente cchiù.

'Stu core analfabeta
mo soffre e se ne more
penzanno ca si femmena
e te putesse perdere
e perdere ll'ammore
ca lle mparato tu.

Giuremo ancora ca tu si dda mia
primma che me ne moro 'e gelusia.
Passione,
suspira 'o core mio femmena amata,
tu lle mparato a scrivere,
tu lle mparato a leggere:
ammore e niente cchiù.



Installazione luminosa realizzata nel 2018 da Tiziano Corbelli, si trova nel tratto iniziale di Borgo dei Vergini, quartiere Sanità a Napoli. Ogni riga dell'opera misura dai 4 ai 5 metri ed è alta circa 70 cm ed è inspirata alla poesia di Totò “Core analfabeta”.

L'appassionata dichiarazione senza speranza alla sua compagna di prigionia Sonia, appena dopo la fuga dai campi di sterminio nazisti (Dal film "Siamo uomini o caporali").



Partitura originale “Core analfabeta” cantata da Totò nel film Siamo uomini o caporali? di Camillo Mastrocinque (Antonio de Curtis), 1955 - “Abbracciato cu’tte” cantata da A. Togliani (Antonio de Curtis), 1955