Informazioni sul sito tototruffa2002.it

di Daniele Palmesi

Logo 2021 5

NASCITA DI UNA PASSIONE

Ho avuto un grande maestro che mi ha fatto conoscere Totò: mio padre. Negli anni '60 la sera, prima di Carosello, "montava" proiettore 8mm e schermo e guardavamo insieme, "scompisciandoci" dalle risate, i più bei film di Totò. Fu però pochi anni dopo la sua morte che Totò divenne più popolare di prima riscoperto e rivalutato, come era giusto che fosse, dalla stampa e dalla televisione, ormai presente in quasi tutte le case degli italiani.

I primi anni '70 videro infatti espandersi a macchia d'olio in Italia la "Totò-mania", che coinvolse in pieno anche me. I cinema d'essai e i circoli culturali riempivano i loro programmi con i più (e meno) famosi film. La mia cultura e conoscenza più specifica sul Totò comico d'avanguardia ebbe inizio proprio in questi cinema, arricchita spesso dai dibattiti e della mostre che organizzavano club e altri spazi privati. Poi vennero gli anni 80 e tra gli anni 90 e gli anni 2000 ci fu l'avvento dell'informatica in Italia, la rete internet cominciava ad espandersi e lentamente a potenziarsi.

TOTÒ NELL'ERA INFORMATICA

L'idea di dedicare uno spazio digitale a Totò nasce intorno al 2002: pubblicai in rete un piccolo progetto web rappresentato da un semplice database dei film di Totò con poche informazioni e qualche immagine.

Nel frattempo la tecnologia informatica si evolveva e l'importazione in Italia dagli Stati Uniti delle piattaforme social, Facebook in particolare, mi mise casualmente in contatto Federico Clemente, figlio dell'indimenticabile Eduardo Clemente che fu amico, segretario, nonché cugino dell'amato Totò. Federico ereditò dal padre il baule di scena del grande comico e personalmente lo ritengo, oltre che un caro amico, la "memoria storica" in vita di Totò.

Iniziò così una cordiale e proficua collaborazione. Venni letteralmente "inondato" di materiali, nozioni, immagini, curiosità perlopiù inedite su Totò, di cui rimasi quantomeno meravigliato nonché stupito. Tutto ciò non poteva restare chiuso in un cassetto!

Maturò quindi l'idea di realizzare un "vero" sito web e dalle ceneri di quello creato nel 2002; il nome fu il risultato tra l'assonanza di uno dei titoli più famosi dei film di Totò, Tototruffa '62 e l'anno del mio primo progetto su Totò in internet: nacque così "tototruffa2002".

Ad oggi, oltre tutto il numeroso e prezioso materiale fornito da Federico, l'archivio si compone di oltre 700 periodici e quotidiani con articoli inerenti a Totò e ad Antonio de Curtis e la sua famiglia (dal 1920 ad oggi), quasi tutta la bibliografia esistente, dischi, nastri e tutta filmografia in digitale, con incremento quasi quotidiano dei materiali.

Tanto tempo viene dedicato alla cura del sito, allo sviluppo e alla creazione e pubblicazione di articoli coerenti ed originali, aggiungendo informazioni ed immagini talvolta inedite. L'archivio è stato completamente digitalizzato e condiviso oltre che sul sito anche sulle piattaforme social, perseguendo sempre lo scopo della corretta informazione sulla vita e l'arte di Totò.

OBIETTIVI PRESENTI E FUTURI DEL SITO

La digitalizzazione e la pubblicazione dei contenuti rende meglio fruibili notizie da fonti attendibili, attinte nel periodo esatto in cui sono avvenute e documentate; lo scopo è di creare una sorta di biografia estrapolata dalla stampa dell'epoca, redatta quasi in "tempo reale", lontano dall'idea di molte biografie cartacee esistenti che ho letto, spesso con dati temporali inesatti, talvolta create con il metodo del copia e incolla.

All'interno della sezione multimediale del sito, troverete una ricca raccolta di recensioni stampa suddivise per anno (1900 ad oggi) e per tipologia di materiali (quotidiani, periodici, riviste, ecc.) relativa a Totò ed al mondo artistico dell'epoca.

Collaboriamo anche con autori alla pubblicazione di opere, citati in altra parte del sito, che ne riconoscono la qualità dei nostri contenuti.

La sezione storico-biografica raccoglie testimonianze di personaggi vicini a Totò, raccolte dall'amico Simone Riberto, abilissimo ricercatore e curatore biografico del nostro sito. La sezione si compone di importanti raccolte fotografiche e documentali sui personaggi più importanti che hanno fatto parte del mondo artistico, dal cahé-chantant di inizio secolo, all'operetta, al varietà e alla rivista.

Nell'attesa del vero Museo di Totò, del quale intendiamo riempire di notizie e immagini il sito, abbiamo un Museo Virtuale, all'interno del quale sono fotografati e catalogati tutti gli oggetti e documenti custoditi nel baule di scena e non solo. Chi vorrà, nel nostro spazio potrà farsi una precisa opinione su ciò che Totò di grande ha dato all'arte comica e rivalutare, chi ancora non lo avesse fatto, questa grande figura artistica del novecento. Da parte nostra ci impegniamo a tenere vivo il suo ricordo e far conoscere meglio oggi Totò alle nuove e alle vecchie generazioni.

COMPITO DEL LETTORE

Abbiamo impiegato migliaia di ore, studio delle tecniche web (il sito non è gestito da webmaster professionisti, ma è "fatto in casa"), spese per acquisto di materiali e tecnologie, il tutto con la sola forza della passione che ci spinge ad amare Totò. Per rispetto del lavoro svolto, è gradito quindi in caso di utilizzo (completo o parziale) dei contenuti testuali, multimediali e fotografici presenti, la citazione di "tototruffa2002.it" presso altro sito, social network, documento digitale o cartaceo.

Buona lettura